La Comunità e l'Associazione dei Sistemisti Informatici della Pubblica Amministrazione

Ilger

Obbligo di Wi-Fi gratuito per la PA? Sì ma come?

La fornitura del Wifi gratis nei luoghi pubblici e il nuovo articolo (otto bis) non parla più di obbligo ma dice che le amministrazioni "favoriscono, in linea con gli obiettivi dell'Agenda Digitale Europea, la disponibilità di connettività alla rete Internet presso gli uffici pubblici e altri luoghi pubblici[...]".

Quindi, rispetto alla prima stesura, non è più un obbligo ma una facoltà, o meglio, cercare di favorire la diffusione di internet, dell'utilizzo degli strumenti digitali ed ai servizi ed atti digitali della PA.

Visto che nel mio Ente ho uno spazio di attesa, dove la gente attende di accedere ai vari servizi, che dovrebbero essere digitali ed accessibili anche da casa o dal bar, installo un bel Hot Spot Wifi, con dei cartelli esplicativi in giro e mi preparo ad accendere.

Ma mi sorge un dubbio ma Il famoso "Codice delle comunicazioni elettroniche" (rif http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:2003-08-01;259).
In cui all'Articolo 6 comma 1 leggo: "1. Lo Stato, le Regioni e gli Enti locali, o loro associazioni, non possono fornire reti o servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico, se non attraverso societa' controllate o collegate"
Ed ora che faccio? Lascio tutto spento e aspetto che venga chiarito?
È possibile che il legislatore si sia dimenticato di questo?
È stato messo facoltativo perché è noto che nella PA non vi sono fondi necessari per realizzarlo?

Che non vi sono Convenzioni Consip dove io PA posso comprare apparati e software per realizzarlo visto che la convenzione su cui dovrebbero essere questi sistemi non è stata ancora aggiudicata?.
 
Marco Andreozzi
 
 
 
Categoria: